STRUTTURA

 

La fiat 127 ha una carrozzeria di tipo autoportante con una rigidità di torsione e flessione dovuta alla sua cellula centrale, che è la parte più protetta; infatti la parte anteriore e posteriore sono state progettate per poter assorbire una grossa energia d’urto e la deformazione assicura l’integrità dell’abitacolo.

L’ossatura della parte anteriore è formata da due traverse di rinforzo che scendono dai fianchi fino ai lati della presa d’aria frontale, la traversa inferiore (quella che sostiene il radiatore e la barra di torsione) è legata ai due longheroni che attraversano tutta la lunghezza dei passaruota interni e che si integrano nei montanti anteriori che legano anche la plancia.

La plancia è rinforzata da un’ossatura di rinforzo con i longheroni, una traversa triangolare rinforza la parte inferiore vicino ai pedali.

 

Dettaglio dei passaruota interni e della plancia in secondo piano

 

Longheroni centrali (in neretto) e quelli di rinforzo dei passaruota

 

Da questa traversa partono due longheroni che percorrono tutta la lunghezza ai lati del veicolo.

Traversa e longheroni formano una struttura di protezione per l’abitacolo.

 

Longheroni posteriori e della sottostruttura posteriore di una 3 porte  

 

 Longheroni posteriori e sottostruttura posteriore di una 2 porte

 

Dettaglio del rinforzo posteriore di una 2 porte

 

L’ossatura si completa con la traversa posteriore dove sono fissate le sospensioni e i paraurti.

Le traverse, i longheroni e il tunnel centrale formano una struttura efficace per la protezione dell’abitacolo.

 

Particolare dall’alto dei longheroni che proteggono l’abitacolo

Il pavimento della scocca è un unico pezzo di lamiera stampato d’acciaio circondato dalla robusta ossatura che formano i longheroni e le traverse.

Le portiere stesse, grazie alle cerniere e le serrature, contribuiscono a rendere la scocca ancora più  rigida.